Edit Content

Nord Europa

Europa Centrale

Africa Centrale

Oblio oncologico: obiettivo inclusione

Hai una domanda?

Una legge definitiva per l’oblio oncologico, ovvero la possibilità per le persone guarite da una patologia oncologica di cancellare gli effetti negativi ‘burocratici’ che la malattia ancora oggi lascia nella ricerca del lavoro, nelle adozioni, nella sottoscrizione di un mutuo o di un’assicurazione.

È questa la sfida legislativa che l’Italia punta a vincere entro fine anno

Con l’approvazione della proposta di legge dal titolo “Disposizioni in materia di parità di trattamento, non discriminazione e garanzia del diritto all’oblio delle persone guarite da patologie oncologiche” , finalmente il 4 agosto la Camera dei Deputati ha dato il via all’introduzione nel nostro ordinamento del tanto atteso diritto all’oblio oncologico.

Il testo approvato alla Camera ad agosto dispone la “parità di trattamento, non discriminazione e garanzia del diritto all’oblio delle persone guarite da patologie oncologiche” e indica le condizioni per il “rispetto del diritto all’oblio oncologico in diversi ambiti (servizi bancari, assicurazioni, rinnovo contratti, affidamento e adozione dei minori, procedure concorsuali)”. Il provvedimento sul tema è ora in attesa dell’approvazione del Senato.

Lo stesso Parlamento europeo ha approvato una risoluzione nel 2023 in cui si invitano gli Stati membri a riconoscere e tutelare il diritto all’oblio oncologico.

Ma qual è l’importanza di una simile risoluzione?

Il ritorno alla normalità di chi guarisce da una malattia oncologica è una strada tortuosa che lo vede spesso vittima di discriminazioni. Succede nella ricerca del lavoro, nelle adozioni, nella sottoscrizione di un mutuo o di un’assicurazione: tutte circostanze nelle quali l’aver avuto un tumore pare costituire uno stigma incancellabile.

Con la nuova legge, se approvata anche dall’altro ramo del Parlamento, accendere un mutuo, avere un prestito, stipulare un’assicurazione e adottare un bambino non potrà più essere proibito a chi ha avuto un tumore da più di dieci anni.

E per i minori il diritto all’oblio è ridotto ad anni cinque, rimettendo al governo la possibilità di abbassare il periodo ulteriormente.

Nulle eventuali clausole contrattuali che violino il diritto all’oblio oncologico

Il Garante per la privacy sarà l’organo competente a vigilare sul rispetto della legge e, entro tre mesi dall’entrata in vigore della legge, il Ministero della salute dovrà emanare un decreto per stabilire l’elenco delle eventuali malattie tumorali per le quali la guarigione può essere riconosciuta anche prima dei cinque o dieci anni previsti dalla regola generale.

Una volta completato l’intero iter di approvazione della norma, si ristabilirà il principio per cui l’essere umano va tutelato in quanto tale e che, come è stato spesso sottolineato dalle associazioni a tutela dei malati oncologici, nessuno dovrebbe essere identificato con la propria malattia.

Come possiamo aiutarvi

Per ulteriori informazioni o assistenza legale in merito all’oblio oncologico e questioni correlate, non esitate a contattare il nostro team di specialisti presso Oracle Solicitors.

I nostri professionisti dedicati sono pronti a fornire una guida esperta su misura per le vostre esigenze specifiche. Puoi contattarci al numero +39 0230565370 o via e-mail all’indirizzo [email protected].

Prenota una richiamata

Compilate il nostro modulo e uno dei nostri esperti vi ricontatterà.

Landing Page - Get In Touch - Callback

Condividi questo articolo

Hai una domanda?

Compilate questo modulo per inviare una richiesta. Il vostro messaggio sarà inviato a un membro del nostro team.

Landing - Contact Form

Post correlati

Marta Maiulli
Oblio oncologico: obiettivo inclusione

Una legge definitiva per l’oblio oncologico, ovvero la possibilità per le persone guarite da una patologia oncologica di cancellare gli effetti negativi ‘burocratici’ che la malattia ancora oggi lascia nella ricerca del lavoro, nelle adozioni, nella sottoscrizione di un mutuo o di un’assicurazione.

Read More
Ben Lockyer
Ecco la legge che valorizza, promuove e tutela il Made in Italy

Il nuovo codice degli appalti preme l’acceleratore sulla digitalizzazione dei contratti pubblici, la cui prima concreta sperimentazione nell’incremento di efficienza dell’esercizio dell’attività pubblica sarà realizzata a partire dal 1 gennaio 2024 con riferimento al settore degli appalti pubblici.

Read More

Contattaci

Si prega di compilare questo modulo per inviare una richiesta. Il tuo messaggio verrà inviato a un membro del nostro team.

Landing - Contact Form
Questo sito è protetto da reCAPTCHA di Google, si applica la nostra Privacy PolicyTermini del servizio .